BUSINESS CLASS BY AMERICAN EXPRESS

Approfondimenti e spunti per far crescere il tuo business.

B2B Digital Commerce: scenario, riflessioni e opportunità per i brand

B2B Digital Commerce scenario, riflessioni e opportunità per i brand
Business Insights

18 Agosto 2021

American Express

I margini di sviluppo nel settore sono forti ma notevoli sono ancora le resistenze al cambiamento. Una ricerca Netcomm fotografa potenzialità e resistenze.


Il Business to Business formato digitale nell’economia italiana è un universo che presenta un’evoluzione frastagliata, non lineare ed eterogenea. Diversamente dal Business to Consumers, in cui da tempo la dimensione dell’online viaggia su binari di forte crescita, il B2B, pur con un trend in aumento, incontra maggiori resistenze e presenta anche alcune voci in negativo. Per fotografare questa realtà Netcomm ha realizzato, in partnership con American Express, una ricerca che porta a galla potenzialità e limiti di un ambito con aspetti complessi e talvolta contraddittori.


I numeri


Il B2B è molto più complicato del B2C e anche per questo l’evoluzione della sua formula “digital” incontra forti difficoltà nel panorama nazionale. In alcuni settori domina la diffidenza, ma sono sempre più numerose le aziende che credono e investono nell’e-commerce tra imprese, facendone un significativo canale di sviluppo. Se 55 aziende italiane B2B su 100, con fatturato dai 2 milioni di euro in su, oggi sono attive nelle vendite e-commerce, e se la crescita rispetto al 2019 risulta del 6%, con velocità doppia rispetto al quinquennio precedente, il 29% delle aziende seller B2B resta “no digital”, quota cresciuta del 3% nell’ultimo anno. Segno di un forte rallentamento del processo di digitalizzazione legato alla crisi sanitaria ed economica.


Seller e buyer


Sono cresciute le aziende con vendite e-commerce B2B attive, mentre sono diminuite quelle che, pur risultando propense alla digitalizzazione, non hanno e-commerce B2B (dal 22% del 2019 sono scese al 16% del 2021). Quanto ai buyer, considerando le realtà che usano il digitale per fare acquisti, gli indicatori raccontano una forte crescita: dal 72% del 2019 sono passate all’85%. cendono invece al 15% quelle che il digitale non lo usano affatto.


Servizi hi-tech apprezzati


I servizi online più offerti dai seller e più desiderati dai buyer? Al primo posto il catalogo digitalizzato e la scheda prodotto tra le piccole e medie aziende. Mentre tra i big c’è il Customer Care commerciale. Per le aziende più hi-tech, risulta significativa la maggiore diffusione di servizi di pagamento digitale (siamo al 74% contro una media del 34%), come anche il maggior utilizzo di servizi logistici e di consegna (il doppio della media).


Tra margini di sviluppo e resistenze


I margini di sviluppo ci sono: secondo la ricerca, il 7% delle aziende seller che non vende online intende sviluppare il business nei prossimi 12 mesi; inoltre tra le imprese che ancora non offrono il servizio e-commerce il 22% ritiene a breve di poterlo attivare senza grosse difficoltà, dando vita al marketplace B2B. A frenare tale evoluzione sono però alcune resistenze: la percezione che non ci sia convenienza (19%), la complessità del progetto (14%) e la logistica (11%). Tra i buyer, il 29% prevede di acquistare entro un anno tramite B2B. In questo caso, la barriera principale è il rapporto consolidato con i fornitori tradizionali (66%).


I vantaggi dell’online


A controbilanciare le barriere, ci sono i forti vantaggi. Lo sviluppo del B2B e-commerce assicura un salto di qualità sul piano della logistica grazie ai tempi di consegna, elemento ritenuto il più importante dal 78% del campione. Il tracciamento delle spedizioni è considerato un plus dal 28% e la gestione dei resi dal 25%.


Focus sui pagamenti


Ancora più significativi i passi avanti sul fronte pagamenti. L’80% dei seller ha messo a disposizione dei clienti online strumenti di pagamento digitali per l’e-commerce. Saliamo al 90% per le aziende più hi-tech e per i big mentre scendiamo al 52% tra i buyer, dove solo un’impresa su due dispone di strumenti digitali per acquisti e-commerce B2B. . Tra i seller, carte e circuiti di pagamento pesano per l’81% superando il bonifico, primo canale nel 2019, oggi al 74%. L’89% dei buyer preferisce ancora il bonifico per comprare dai canali digitali , al 66% per carte e circuiti di pagamento, settore comunque in crescita. Una piattaforma che facilita il compito alle aziende per attivare e gestire tali servizi è quella di American Express che, con le sue Carte Corporate, velocizza i pagamenti utilizzando tutti i principali circuiti.


Il panorama globale mostra dunque segnali di dinamismo, in un quadro in cui gli imprenditori colgono nel digitalizzare il loro B2B opportunità per crescere e allargare i confini geografici del loro business. D’altra parte, secondo una ricerca dell’Osservatorio del Politecnico di Milano, i numeri dell’e-commerce B2B in pandemia confermano una sostanziale tenuta, con le transazioni scese del 6% nel 2020 ma con l’incidenza dell’e-commerce sul totale degli scambi B2B (2.500 miliardi di euro) passata dal 19 al 20%. Se anche qualche resistenza resta, è sempre più flebile.

ARTICOLI CORRELATI

Soluzioni di Application Performance Monitoring nel mondo Finance un nuovo modo per diagnosticare in anticipo problemi complessi
Business Insights
Soluzioni di Application Performance Monitoring nel mondo Finance: un nuovo modo per diagnosticare in anticipo problemi complessi

Nel settore finanziario le soluzioni evolute di Application Performance Monitoring non bastano. Ecco i motivi e il perché è necessario semplificare   La digitalizzazione sempre …

#finance #Application Performance Monitoring #soluzioni per le aziende
Open Innovation perché serve ad aziende e startup
Business Insights
Open Innovation: perché serve ad aziende e startup

Per la crescita delle startup la collaborazione con le grandi aziende è fondamentale, e lo stesso vale a parti invertite. Ecco le principali criticità e …

#open innovation #Digitalize PMI #partnership tra aziende e startup
Smart Factory un trend destinato a esplodere in tutta Europa
Business Insights
Smart Factory: un trend destinato a esplodere in tutta Europa

L’Industrial Internet of Things promette sviluppi trasversali a 360 gradi nel pianeta produttivo. La crescita esponenziale continuerà e il settore è destinato a trasformare la …

#Trend #Industrial Internet of Things #Smart Factory
1 2 3 4 61