BUSINESS CLASS BY AMERICAN EXPRESS

Approfondimenti e spunti per far crescere il tuo business.

Health & Pharma, l’e-commerce vola

Smart Business

20 Ottobre 2020

American Express

I prodotti Health & Pharma conquistano l’e-commerce e si confermano prodotti fondamentali per gli italiani. A giugno 2020, su ben 24 milioni di acquirenti online, negli ultimi 12 mesi, il 65,8 per cento ha acquistato prodotti H&P. A dirlo è l’ultimo report di Netcomm sull’andamento dei consumi e sullo stato del mercato degli acquisti online. Secondo l’analisi tra i prodotti più frequentemente venduti online troviamo vitamine e integratori, seguiti da farmaci e prodotti naturali per la salute. Tra chi acquista in modalità digitale si conferma uno zoccolo duro di clienti fidelizzati: 6,5 milioni di individui (il 26,8% della popolazione presa in esame) hanno acquistato almeno 4 volte negli ultimi dodici mesi un prodotto di Health & Pharma.
 
Ma cosa spinge a comprare online dispositivi medici, creme e prodotti per il benessere? “L’atteggiamento – spiegano gli analisti di Netcomm – degli acquirenti digitali di prodotti per la salute è guidato da considerazioni di convenienza tra cui risparmio e offerte oltre alla comodità“. I pagamenti digitali sono poi sempre più diffusi. Su 10 acquisti di prodotti per la salute 8 sono pagati contestualmente all’acquisto online.
 
Le scelte di acquisto sono poi influenzate dai canali di informazione sui prodotti per benessere e salute. Tra i canali privilegiati troviamo l’indagine online tramite motori di ricerca e il consiglio di un conoscente o un parente. Canali diversi invece per chi acquista in negozio: in questo caso conta di più il parere di professionisti (sanitari e non) assieme al parere di amici e conoscenti. Contano di meno i mezzi d’informazione dell’online anche se nel 22% dei casi l’acquisto in negozio è orientato dall’online, principalmente un motore di ricerca e recensioni.
 
Quali sono invece i freni all’acquisto digitale? Secondo il report: “Il primo inibitore all’acquisto online è legato al fatto che si preferisce farsi consigliare di persona da un professionista del settore, anche perché via online non è sempre chiaro se si sta acquistando il prodotto giusto per sé“. Incidono poi l’abitudine e la fidelizzazione al negozio di quartiere. C’è inoltre qualche timore legato alla corrispondenza tra prodotto acquistato e recapitato e sull’integrità dei prodotti.

ARTICOLI CORRELATI

Per trasformare un'azienda in una data-driven company c'è bisogno della data literacy ecco le strategie da mettere in atto
Smart Business
Per trasformare un’azienda in una data-driven company c’è bisogno della data literacy: ecco le strategie da mettere in atto

Per trasformare un’azienda in una data-driven company c’è bisogno della data literacy: ecco le strategie da mettere in atto La trasformazione digitale delle imprese richiede …

#business intelligence #data literacy #data-driven company
Strategia di gestione della catena di approvvigionamento qual è la migliore per la tua azienda?
Smart Business
Strategia di gestione della catena di approvvigionamento: qual è la migliore per la tua azienda?

Comprendere i vantaggi e gli svantaggi delle diverse strategie di gestione della catena di approvvigionamento aiuta un’impresa a compiere la scelta giusta. Per dare ai …

#gestione della catena di approvvigionamento #ottimizzazione della supply chain #strategia d'impresa
Spunti per Business Leader su come ridisegnare i processi e la governance legata alla sostenibilità
Smart Business
Spunti per Business Leader su come ridisegnare i processi e la governance legata alla sostenibilità

Ecologia, sostenibilità e trasparenza sono diventate imperativi irrinunciabili per un’economia moderna e capace di guardare avanti. Ecco la road map da seguire per le aziende …

#Business Leader #governance #sostenibilità
1 2 3 4 64