BUSINESS CLASS BY AMERICAN EXPRESS

Approfondimenti e spunti per far crescere il tuo business.

Quote rosa nelle grandi società: aumentano le donne, ma la parità è ancora lontana

Varie

22 Novembre 2021

American Express

Secondo gli ultimi dati forniti dalla Consob, la presenza femminile arriva al 41% nei Consigli di Amministrazione delle società quotate a Piazza Affari. Ma le Amministratrici Delegate sono solo il 2%. Le grandi aziende, in primis quelle del mondo della finanza, si stanno impegnando per ridurre nei prossimi anni il divario. E novità arrivano anche in termini di parità salariale


Garantire la cosiddetta gender diversity nella composizione dei board è una delle principali sfide che le aziende devono affrontare per sviluppare il proprio business in ottica ESG (Environmental, Social, and Corporate Governance). Anche per attrarre nuovi investitori. Non a caso la parità di genere è uno dei Goals, il quinto, identificati dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite, sempre più utilizzati come criterio di investimento in società responsabili e sostenibili. E rientra anche nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) predisposto dal governo italiano, che punta a un aumento dell’occupazione femminile del 4% entro il 2026 e a una riduzione delle disparità tra figure maschili e femminili.


Consob: quasi il 40% di donne nei CdA delle quotate


Il Rapporto Consob sulla corporate governance delle società quotate italiane fotografa una situazione per alcuni versi positiva. Secondo gli ultimi dati aggiornati a ottobre 2021, infatti, arriva al 41% la quota di donne negli organi sociali degli emittenti quotati italiani. Un importante passo in avanti se si considera che nel 2011 la stessa quota arrivava solo al 7%. Analizzando, più nel dettaglio, le 76 aziende che hanno rinnovato nel 2020 il Cda, emerge come le quote femminili siano al 42,8% e sono 9, su 220, le società che hanno un consiglio composto in maggioranza da donne.
I dati riflettono da un lato il crescente impegno delle singole aziende e dall’altro la necessità di applicare la legge secondo la quale al genere meno rappresentato debbano essere riservati i due quinti del board, per sei rinnovi a partire dal 2020.


Questi risultati positivi, però, sono anche limitati: se si analizzano i ruoli di vertice, infatti, solo in 16 società quotate (circa il 2% del valore di mercato) le donne ricoprono quello di amministratore delegato. E in questo caso, al contrario di quanto registrato tra le consigliere, la situazione è peggiore rispetto al passato. Nel 2013, infatti, si arrivava a toccare quasi il 4%.


I vantaggi di un CdA con più donne


Un aumento del numero di donne nei board può portare, secondo diverse ricerche internazionali, a significativi vantaggi, finanziari e non. Ad esempio, le società con più figure femminili ai vertici registrano migliori performance in Borsa e una crescita media delle azioni più elevata rispetto alle aziende con CdA a prevalenza maschile. E un team esecutivo o professionale in cui è garantita la parità di genere consente di aumentare la produttività, migliorare i processi di squadra e registrare una maggiore collaborazione tra le persone. Secondo diversi studi, inoltre, le donne amministratrici affrontano i rischi in modo più efficace.


La questione gender pay gap


L’Italia sta facendo però importanti passi avanti per quanto riguarda le tematiche legate a diversità e inclusione, cercando anche di colmare quel gap salariale che le vede nelle posizioni più basse della classifica dei paesi europei. Uno di questi passi è il decreto legislativo per le pari opportunità in ambito lavorativo, approvato a ottobre 2021. Che prevede, ad esempio, l’applicazione a partire dal 1° gennaio 2022 di un sistema incentivante nelle aziende con più di 50 dipendenti: i datori di lavoro che si impegnano a ridurre la disparità di genere, ad esempio nei salari e nelle possibilità di crescita, con risultati certificati, ottengono uno sgravio contributivo fino a 50.000 euro. Questo incentivo è collegato all’obbligo, per queste società sia pubbliche sia private, di presentare un rapporto, almeno ogni due anni, sulla situazione del personale maschile e femminile.


Gli impegni di American Express


Per promuovere la diversità, l’equità e l’inclusione American Express ha avviato a ottobre 2020 un piano da 1 miliardo di dollari a supporto di iniziative in linea con queste tematiche. Segnalando, ad esempio, significativi incrementi nel numero di donne tra i membri del comitato esecutivo o tra i country manager.
Nel dettaglio, in Italia, oltre il 60% dei collaboratori dell’azienda e 5 membri su 7 del Senior Executive Team sono donne, a partire dall’amministratore delegato, Melissa Ferretti Peretti.

ARTICOLI CORRELATI

Varie
Aston Martin Valkyrie. Al via la produzione delle 150 hypercar

Solo pochi fortunati potranno acquistare questa biposto ispirata alla Formula 1, creata dalla casa automobilistica in collaborazione con Red Bull Racing. Il motore ibrido, da …

#aston martin #auto #automotive #Formula 1 #valkyrie
Varie
Luoghi isolati negli uffici, capsule in giardino e addirittura in un caravan. Il lavoro è sempre più un ibrido

Flowspace Pod è l’ultima invenzione di Microsoft: ha la forma di un punto interrogativo ed è un piccolo spazio per stare in ufficio, ma isolati …

#lavoro #lavoro da remoto #Microsoft #smart working #ufficio
Varie
Dubai Expo 2020. Un viaggio tra le innovazioni per un futuro migliore

“Connecting Minds, Creating the Future” è il tema scelto per l’esposizione universale che per la prima volta approda in un paese arabo. Fino al 31 …

#dubai #expo 2020 #padiglione italia #padiglioni expo #viaggi di business
1 2 3 4 28